Riabilitazione Posturale

image

Il corpo nello spazio

La postura è la posizione del corpo nello spazio e la relativa relazione tra i suoi segmenti corporei. Per corretta postura, si intende la posizione più idonea del nostro corpo nello spazio per attuare le funzioni antigravitarie, con il minor dispendio energetico, sia in dinamica che in statica; in essa, concorrono vari fattori: (neurofisiologici, biomeccanici, emotivi, psicologici e relazionali). Per realizzarsi necessita di sinergie complesse ed in cui entrano essenzialmente in causa rachide ed arti inferiori e, dove, nella stazione eretta il peso del corpo viene scaricato a livello dell’arco plantare. La posizione delle varie parti del corpo si avvale di tre piani di riferimento principali, fra loro perpendicolari: piani anatomici. I movimenti che il corpo può compiere sono definiti in funzione dell’asse sul quale essi avvengono, tali assi si definiscono assi anatomici. Una posizione scorretta nel posto di lavoro, a casa davanti al televisore o nel compiere i movimenti e gli sforzi durante le normali attività, un’occupazione sedentaria, la dipendenza dall’automobile e lo svago passivo stanno diventando la norma negli adulti e sempre più anche nei bambini. Prima che i problemi di salute cronici si manifestino esplicitamente, la nostra postura spesso ne segnala la presenza tramite esempi di contrazione e, se le tensioni modeste non vengono risolte definitivamente, possono compromettere la salute del nostro corpo e anche la sua forma fisica. La forma del nostro corpo è espressione di ciò che pensiamo e proviamo. Essa riflette la nostra storia, poiché la struttura fisica è plasmata dall’esperienza individuale di vita. La forma del nostro corpo e quella delle singole parti che lo compongono, rivelano quindi molti aspetti della nostra psicologia, il nostro modo di sentire, di pensare, di agire e i problemi che ci affliggono. Gli errori posturali anche modesti, col passare del tempo sono in grado di causare prima disagi e poi patologie: sovraccarichi con conseguente degenerazione articolare (artrosi, meniscopatie ecc.), irrigidimenti e degenerazioni dei tessuti elastici (tendinopatie, miopatie ecc.), intrappolamento dei nervi, blocchi respiratori, disturbi digestivi, cattiva circolazione, problemi di equilibrio, disagi psichici ecc. La rieducazione posturale è un metodo di ragionamento clinico e di trattamento terapeutico su tutti gli aspetti legati alla nostra postura. Lo scopo è quello di riequilibrare l'organismo, mettendolo in condizione di svolgere in maniera armonica i suoi «obiettivi fisiologici», sia attraverso la presa di coscienza del paziente con l'esecuzione di particolari posture guidate, sia con l'esecuzione di manovre sinergiche di terapia manuale effettuate dal terapista. Con la rieducazione posturale è importante comprendere a fondo le problematiche legate alla disfunzione presente, ponendo attenzione a tutti gli aspetti che la compongono, elaborando un trattamento che evolve insieme alla manifestazione clinica. Durante le terapie vengono trattati non solo il disturbo per il quale il paziente ha necessità dell’intervento di riabilitazione, ma anche le disfunzioni collegate ad esso e senza la cui soluzione risulterebbe compromesso il buon esito del trattamento stesso. Alla base di questo lavoro vi è quindi un'attenta osservazione del corpo e della manifestazione del disturbo/disfunzione, per poi verificarne la “correzione possibile” e di conseguenza scegliere la postura ottimale per raggiungere l'obiettivo prefissato. Compito della posturologia è il ripristino dei corretti gesti motori, in statica e in dinamica, riprogrammando il sistema tonico posturale in un ambito fisiologico, attraverso un intervento e un programma personalizzato multidisciplinare. Ma anche della presa di coscienza del nostro corpo, della postura che assumiamo e del suo movimento al fine di comprendere gli errori posturali e, giorno per giorno, porvi rimedio allontanando così tutti i problemi conseguenti ai disturbi posturali.

image